Agenzie | Accedi | Registrati
русскии   italiano    Deutsch   english   Svenska
Come ottenere il rimborso dell'IVA sugli acquisti
  Tax Free Shopping ! Scopri i tesori dell'...

Noleggio auto ( con e senza autista ) e motorini.
    Utilizza per i tuoi spostamenti su...

Bari : hotels




 


La Basilica che custodisce le reliquie di S. Nicola si erge imponente nella Città Vecchia di Bari, a cinque minuti dal Porto marittimo e a 15 minuti dalla Stazione ferroviaria. Lo stile è il romanico, vale a dire che ha un aspetto massiccio e sobrio, caratteristico dell’architettura normanna. Il 9 maggio 1087 giungevano a Bari le reliquie di S. Nicola da Mira ( attuale Turchia ).


Il Santo greco, molto venerato dalla gente di mare, era vescovo di Mira nel 325 dopo Cristo, quando partecipò al concilio di Nicea. Celebre in Oriente come liberatore di tre innocenti dalla decapitazione e tre ufficiali dal carcere, lo era ancor più in occidente per la dote alle fanciulle povere che egli gettò sotto forma di sacchetti di monete d’oro attraverso la loro finestra.


San Nicola è il santo che ha goduto nella vita della Chiesa il culto più esteso, dopo quello della Beata Vergine Maria. Uomo della carità si distinse per la sua generosità verso i poveri e i bisognosi.


San Nicola di Myra viene detto anche di Bari, perché in questa città fu portato e rimane conservato il suo corpo. Nel 1087, circa 62 marinai si impossessarono dele sue reliquie e lo trasportarono a Bari, dove giunsero il 9 maggio, con indescrivibile esultanza della popolazione. I marinai consegnarono il corpo al benedettino Elia, abate di San Benedetto, il quale edificò sul posto la Basilica del santo.


Il santo vescovo Nicola è molto venerato in tutto il mondo cattolico e ortodosso e specialmente in Russia dove, come a Bari, oltre alla festa universale del 6 dicembre c'è anche quella del 9 maggio a memoria della traslazione delle reliquie.


La maestosa Basilica, a lui dedicata, è ancora oggi meta di numerosi pellegrinaggi che testimoniano l'affetto profondo della gente nei confronti di questo grande uomo di Dio.


Tra i più celebri pellegrini e visitatori è opportuno menzionare Anselmo, arcivescovo di Canterbury ( 1098 ), i re normanni Ruggero II ( 1139 ) e Guglielmo II ( 1182 ), il papa Innocenzo II ( 1137 ), gli imperatori tedeschi Lotario II ( 1137 ) ed Enrico VI ( 1195 ), i re angioini Carlo I ( 1271 ) e Carlo II ( 1301 ), Luigi il Grande d'Ungheria ( 1350 ), Santa Brigida di Svezia ( 1366 e 1369 ), il re Ferrante d'Aragona ( 1464 ), Isabella d'Aragona e Bona Sforza, Aleksej - figlio di Pietro il Grande ( 1717 ), il grande filosofo irlandese George Berkeley ( 1717 ), tutti i re di Napoli, Costantino ( 1852 ) -fratello dello zar Alessandro II, Nicola -futuro zar di Russia ( 1892 ), i futuri re e regina d'Italia Vittorio Emanuele III ed Elena di Montenegro ( 1896 ), Benito Mussolini ( 1934 ), Nikodim di Leningrado ( 1969 ), il futuro patriarca di Costantinopoli Bartolomeo ( 1979 ), l'astronauta Aleksej Leonov, papa Giovanni Paolo II ( 1984 ), il futuro papa Benedetto XVI ( 1985 ), Carlo e Diana ( 1985 ), Vladimir Putin ( 2007 ).

       
 

  ischia@pointru.it


© copyright Point Ru 2008